twitterfacebookgoogle

10 gesti romantici che dovremmo riportare in vita

  • Posted On:
10 gesti romantici che dovremmo riportare in vita

1. Passare a prendere la persona a casa.

Vedersi per un appuntamento è diventata un’attività molto più casual rispetto al passato. Arriviamo, inviamo il classico messaggio “Sono qui” e via. Andare a prendere l’altra persona a casa, fa una grande differenza. Ridona all’appuntamento un’atmosfera tutta speciale. Il discorso naturalmente cambia se abbiamo conosciuto la persona online o in qualsiasi caso non ci fidiamo al punto che questa sappia dove viviamo.

2. Vestirsi in modo carino per l’occasione.

“Carino” può significare tante cose diverse, ma in linea generale basta fare uno sforzo in più per piacersi e piacere. Diciamocelo, l’apparenza conta, soprattutto per un primo appuntamento. Assicuriamoci che il modo in cui ci vestiamo rifletta bene la nostra personalità e ci valorizzi al punto giusto.

3. Portare fiori al primo appuntamento.

O, perché no, un regalino carino. Sono gesti che dimostrano l’affetto e l’interesse verso l’altra persona e proprio per questo motivo sembrano essere passati di moda. Invece di temere la sensazione di sentirci scoperti, dovremmo preoccuparci di più di far sentir felice la persona che ci piace. Di certo le probabilità che questa vorrà rivederci saranno più alte.


4. Andare a ballare, non a sfinirsi.

Cos’è successo al ballo? Andare a ballare, divertirsi, non significa necessariamente finire a pomiciare ubriachi contro un muro in discoteca. Per allentare la tensione dell’appuntamento, niente di meglio di quattro salti in pista, senza però essere molesti con l’altra persona.

5. Chiamare le cose con il proprio nome.

“Parliamo”. “Ci vediamo”. Stiamo uscendo regolarmente con una persona? Quindi stiamo… “Frequentando” qualcuno. Usiamo termini vaghi per minimizzare il fatto che stiamo vedendo qualcuno con lo scopo di iniziare una relazione. Abbiamo paura di coinvolgerci troppo, ma in questa maniera finiamo per confondere le cose ancora di più. Non occorre tornare a “fare la corte”, ma essere diretti sulle intenzioni aiuta.


6. Essere chiari sul “volere una cosa seria”.

“Allora… Cosa siamo?”. Un classico. È un momento delicato, ma dobbiamo avere il coraggio di chiedere all’altra persona se si vuole la stessa cosa. Quando si è in due, non possiamo automaticamente “presumere” che stiamo andando nella stessa direzione. Chiedere in questo caso dimostra rispetto.

7. Scrivere qualcosa di carino.

Non puntiamo per forza alla poesia. “Le rose sono rosse, le violette sono blu, odio la poesia ma mi piaci tu” potrebbe non avere l’effetto desiderato. Ma, scherzi a parte, scrivere qualcosa di carino alla persona che ci piace scalda il cuore. Regalare qualcosa che abbiamo fatto noi avrà lo stesso effetto.


8. Mettere via i cellulari.

C’è chi risponde a chiamate e messaggi durante l’appuntamento, chi fissa il telefono sul tavolo, chi lo controlla ogni cinque minuti… Quando siamo in compagnia della persona speciale è il momento di mettere via i cellulari e di dare spazio a quello che conta davvero, le nostre emozioni.

9. Chiedere prima di tutto.

Una volta era d’obbligo chiedere: “Posso rivederti?” o “Posso chiamarti?”. Al giorno d’oggi sembra naturale poter chiamare l’altra persona quando vogliamo, invitarla a uscire e addirittura toccarla senza avere il suo permesso. Quando la relazione è stabile, questi equilibri cambiano. Ma qualcuno chiede permesso anche quando è in coppia, soprattutto per quanto riguarda la sfera sessuale.

10. No al sesso a tutti i costi.

Arrivare all’intimità non è scontato. Stiamo uscendo con qualcuno, ci piacciamo, stiamo bene insieme. Le cose verranno naturalmente, non aspettiamoci di finire sotto le lenzuola dopo un determinato numero di appuntamenti. Sotto questo aspetto, ognuno ha i suoi tempi e le sue preferenze.